Home

Nuova Zelanda - di Luciana

Com'è il mondo dall'altra parte del mondo?nuova zelanda cartina

 

Gli antipodi un nostro sogno nel cassetto che via via ha preso consistenza nel 2019. Vera, Stefano io e Beppe dopo studi e calcoli maniacali abbiamo preparato un mega tour di New Zealand!

Spezzato il viaggio con un paio di scali tecnici, una sgranchitina di gambe 12 ore di fuso e.....oplà' Auckland: suggestive statue di legno con decorazioni di madreperla ci accompagnano fuori dall'aeroporto. Scambiata la notte con il giorno ci stanno aspettando per una escursione in barca a vela nella Grande Baia ma è solo dalla Sky Tower che ci rendiamo conto veramente della enorme quantità di vele!

Dalla cultura millenaria dell'Italia alla giovane terra dei kiwi (frutto) e del Kiwi uccello simbolo di NZ. Oggi l’animale è a rischio di estinzione per via dell'introduzione dell'opossum divoratore di uova e pulcini, ora viene allevato in centri protetti dato che la femmina depone un solo grosso uovo e lo cova il maschio, è possibile vederli solo di notte sono sgraziati ma buffi e teneri da coccolare!

                                             nuova zelanda foresta

Maori popolo arrivato dalla lontana Polinesia sfidando l'Oceano con barche di legno (canoe tipiche) hanno passato almeno 5 secoli di vita isolata opponendosi con tutte le loro forze agli invasori. Decimati da malattie e soprusi, solamente nel 1840 col trattato di Waitangi raggiunsero un accordo di convivenza con gli Inglesi, senza ulteriori spargimenti di sangue! Hanno rinunciato però alla loro lingua e cultura bandite. Negli ultimi decenni i Maori hanno ritrovato la loro dignità e un forte incremento demografico grazie anche a un risarcimento dello stato e attraverso il ripristino della lingua Maori nelle scuole pari all' inglese.

KIA ORA benvenuti in AOTEAROA "La Terra Della Lunga Lingua Bianca" esperienza da turisti, ma alquanto piacevole e interessante riproduzione di un mondo tribale dove corpulenti ragazzi e ragazze dalla pelle bruno chiara con vistosi tatuaggi al volto, rappresentativi del loro linguaggio si mostrano esibendosi in spettacoli, danze e concerti alternando movimenti rudi a voci aggraziate.

Visitiamo un ricco museo e per la gioia dei sensi apprezziamo una succulenta cena!

"Non è importante la meta ma il viaggio" presa dalla foga del racconto mi concedo di scomodare Sant'Agostino!

                                         

Ritirata l'auto dal noleggio partiamo con carta alla mano enuova zelanda albero penna per spuntare e individuare la successiva direzione: siamo diretti al Nord, visita di cortesia alla foresta Kauri dove l’albero più grande del mondo è in mostra nientemeno che in un museo!

Abbiamo la fortuna dalla nostra parte pur essendo novembre il clima è piacevole la qualità delle strade è ottima e ancora poco affollate di turisti. L'attrattiva principale non sono tanto le località nelle quali si soggiorna quanto la strada che si percorre, tra una tappa e l'altra, caratterizzata da una varietà di scenari e panorami unici!

Abbiamo percorso più di 2000 km in auto una sbornia di colori, repentini cambiamenti climatici, vulcani, geyser, paludi di fango bollente, alte catene montuose ricche di imponenti cascate che scendono fino al mare separando la vergine foresta tropicale, dai grandi vitigni le pianure fertili attrezzate con irrigatori chilometrici !

 

 

La superficie della Nuova Zelanda potrà essere più o meno come l'Italia, abitata però da meno di 5 milioni di persone, per lo più nelle città principali. Verdissima, la maggior parte del territorio è costituita da terreni agricoli adibiti prevalentemente a pascolo dove mucche, pecore, capre fanno da padrone, ma non sono rari daini, cervi, cavalli. La cosa stupenda sono le altissime siepi di cipressi potati con precisione geometrica adatti a proteggere dal forte vento le piante più delicate, creando nello stesso tempo una certa omogeneità all'occhio abbagliato da tante gradazioni di verde. Una domanda però ce la siamo fatti: ma dove andrà a finire il liquame di tutti questi animali!?

Tralasciati i paesaggi dei set cinematografici e le escursioni che hanno dato visibilità a NZ non ci siamo persi una gita in barca e canoa in mezzo alle foche al Parco Nazionale di Abel Tasman ,le balene a Kaikoura ,le rocce calcaree a Punakaki la foresta pluviale ,un escursione in elicottero al Franz Josef ,un trekking (breve)ai piedi del Monte Cook ,la visita al Fiordo Milford Sound sulle rive del Mar di Tasmania,alle miriadi di laghi morenici in particolare il Lago Tekapo con le sue acque turchesi circondato da coloratissimi lupini selvatici 

 

Luciananuova zelanda Luciana

  • 051.6198744
  • percorsidipace@libero.it
  • Via Canonici Renani, n.8
    Casalecchio di Reno (BO)
  • Orari di apertura:
    lun - ven: 17.00 - 19.00
    mar: 9.00 - 12.00