Home

Padre Olinto Marella (1882-1969

In questo manifesto-locandina grandeggia l’immagine del volto di p. Olinto Marella. La larghezza del suo viso dà la misura al manifesto stesso, di forma allungata.olinto marella

Il mantello che lo ricopre e ne caratterizzava l’aspetto abituale diviene il colore di fondo delle scritte che pubblicizzano l’evento per cui è stato realizzato: un’opera teatrale che ne tratteggia la vita. Padre Marella è stato un personaggio conosciuto e ammirato da tutti i bolognesi per aver testimoniato la fede in modo evangelico ed estremamente efficace sul piano comunicativo. Tanto che, nel luogo (via Orefici) dove, seduto su uno sgabello, riceveva le offerte di tanti bolognesi, esiste una targa con la sua effige.

 

Prete veneziano, sospeso ‘a divinis’ con l’accusa di ’modernismo’ (costituiva, nella scuola da lui fondata, classi miste di ragazzi e ragazze con i quali organizzava gite in bicicletta di più giorni), lascia la sua terra per dedicarsi all’insegnamento di storia e filosofia nei licei.

Nel 1925 il cardinale di Bologna, Nasalli Rocca, toglie a p. Marella la sospensione ‘a divinis’, riabilitandolo come prete.

Dal 1924 al 1948 insegna nei due licei classici di Bologna (prima al Galvani e poi al Minghetti). In questa esperienza Padre Marella rivoluziona i metodi di insegnamento spostandosi dalla cattedra verso i banchi dei suoi studenti, convinto che poteva farsi capire anche dai più ‘asini’ e da loro poteva apprendere qualcosa.

Lasciato l’insegnamento, si dedica esclusivamente all’aiuto e all’educazione dei ragazzi orfani o abbandonati.

Durante la guerra accoglie nelle sue ‘case-rifugio’ un impressionante numero di orfani, sbandati, poveri di ogni genere. Apre anche oratori e ambulatori medici per tutte le persone in difficoltà.

Nel 1948 fonda la prima ‘Città dei ragazzi’, autogestita dagli stessi ragazzi che provvedono a eleggere direttamente i loro amministratori, sindaco compreso.

 

L’8 ottobre 1968 don Olinto (da tutti chiamato ‘padre’ per la paternità esercitata sul campo) detta il suo Testamento Spirituale nominando suo successore padre Alessandro Mercuriali.

A 50 anni dalla sua morte, p. Olinto Marella continua a vivere nell’Opera che porta il suo nome.

 

Per informazioni e visite al Centro di Documentazione del Manifesto Pacifista Internazionale – CDMPI:

Casa per la Pace "La Filanda", via Canonici Renani 8

Tel 051.6198744 – E-mail casaperlapacelafilanda.info@gmail.com

www.casaperlapacelafilanda.it

  • 051.6198744
  • percorsidipace@libero.it
  • Via Canonici Renani, n.8
    Casalecchio di Reno (BO)
  • Orari di apertura:
    lun - ven: 17.00 - 19.00
    mar: 9.00 - 12.00