Home

Le proposte di dicembre

Gruppo Escursionismo

 

Cerca di accettare gli imprevisti (INFANGATO e FELICE!) e di sviluppare lo spirito di adattamento."

 

Da "Il patto educativo"

 

 

 

Gli imprevisti non sempre hanno una connotazione negativa,logo piede a volte si presentano durante il cammino ma basta accoglierli in modo sereno ed ecco che una nevicata può trasformare un sentiero in una meravigliosa festa dove le foglie autunnali appaiono come coriandoli. Se poi lo stesso sentiero corre in discesa allora l'imprevisto scivola e con lui anche le scarpe soprattutto quelle inadatte.

 

 

 

 

Sabato 16 Le escursioni mensili

Duchamp, Magrit, Dalì

 

Si cammina fino a Palazzo Albergati e si visita la mostra

 

Ritrovo ore 8,30 alla Casa per la pace; si cammina fino a Palazzo Albergati, via Saragozza. Ore 9,50 si visita la mostra.

Palazzo Albergati di Bologna ospita una grande anteprima internazionale, una straordinaria mostra dedicata a quei nomi del mondo dell’arte che hanno rivoluzionato il Novecento. Oltre duecento opere, tutte provenienti dall’Israel Museum di Gerusalemme.magritte the castle of the pyrenees

Duchamp, Magritte, Dalì, Ernst, Tanguy, Man Ray, Calder, Picabia e molti altri, tutti insieme per raccontare un periodo di creatività geniale e straordinaria.

La determinazione a rivoluzionare l’arte, a rompere col passato e inventare un mondo nuovo, è raccontata con grande ricchezza narrativa nella mostra attraverso le cinque sezioni tematiche: Accostamenti meravigliosi; Desiderio: musa e abuso; l'Automatismo e la sua evoluzione; Biomorfismo e metamorfosi; Illusione e paesaggio onirico.

I dadaisti e i surrealisti sono stati nel mondo dell’arte dei veri innovatori. Oggi le loro tecniche artistiche e le loro istanze ideologiche e politiche sono quasi scontate. Ma sono stati questi artisti che più o meno un secolo fa, hanno creato accostamenti inaspettati, inventato l’automatismo, il ready made, il fotomontaggio, il biomorfismo, la metamorfosi e dipinto paesaggi onirici e del desiderio.

I dadaisti nacquero da una rivolta e per un bisogno di indipendenza e di eversione; i surrealisti non separavano l’arte dalla vita e volevano rifondare l’arte stessa. Entrambi segnarono un momento di netta cesura con tutta l’arte del passato

 

iscrizioni a sgarzura@gmail.com

 

 

Domenica 10 Le escursioni mensili

Piccola Cassia

si cammina sul lungo percorso Castel D’Aiano Gaggio Montano

 

Castel d’Aiano è un luogo di confine da tempo immemore: prima dogana tra i ducati di Modena e Bologna, nella seconda guerra mondiale si ritrovò invece sulla Linea Gotica.tracciato cassia

A Castel d’Aiano, importante castello matildico, la Piccola Cassia transitava lungo il confine tra Modena e Bologna, strategicamente controllato
da fortificazioni e case torre. Nel territorio sono presenti sorgenti di acqua solforosa, grotte e boschi, e testimonianze di numerosi
mulini di montagna, mossi dai tanti corsi d’acqua.

La Cassia continua il suo corso verso la Toscana incontrando qualche chilometro dopo il Santuario della Madonna della Brasa, sorto nella prima metà del 700 in un luogo dove secondo la tradizione fu ritrovata un’immagine della Madonna. Ricostruito nel 1960 in seguito ai bombardamenti che lo distrussero durante la Seconda Guerra Mondiale, il Santuario si trova sulla via per Sassomolare, frazione di Castel d’Aiano che, dall’alto dei suoi 1.000 metri d’altezza, è contornata dai boschi e da affascinanti querce secolari.

La Piccola Cassia si avvicina ora a Bombiana, non prima di aver transitato per il punto di snodo di Canevaccia. Bombiana, frazione di Gaggio Montano, è un nucleo antichissimo, sede di un castello eretto dai bolognesi nel XIII secolo sul vicino Monte Castello. All’interno della fortezza venne costruita la piccola chiesa di San Giacomo, spostata successivamente in centro al paese.

Da Bombiana si continua per il complesso di Guanella, con la sua antica torre di guardia, e si giunge successivamente al cospetto dell’imponente Sasso di Gaggio Montano.

 

Gaggio Montano si trova in una posizione strategica di confine tra Bologna e Pistoia e la collocazione del borgo fortificato di Gaggio Montano sul sasso che domina il paese, ha costituito da sempre un riferimento importante nel cammino della Piccola Cassia, come luogo di orientamento e di ospitalità. Durante la Seconda Guerra Mondiale questo territorio è stato scenario dell’avanzamento del Fronte di Liberazione: il tracciato della Piccola Cassia conduce a Monte Castello, dove in località Guanella sorge il grande Monumento ai Caduti dell’esercito brasiliano.

 

iscrizioni a sgarzura@gmail.com

 

 

Venerdì 29

Chi c’è, c’è”

tradizionale iniziativa natalizia al Doccione

 

Da Porretta verso Montecavallo una splendida passeggiatadoccione per raggiungere Le Casette del Doccione dove, come da tradizione, pranzeremo con le specialità di questo posto meraviglioso.

 

iscrizioni a sgarzura@gmail.com

 

 

 

I lunedì del cammino pomeridiano

 

Lunedì 4 ore 14,30 Casa per la pace: i parchi della Barca e ritorno dal parco della Certosa.

Lunedì 11 ore 14,30 Casa per la pace: parco della Chiusa e parco Biagi.

Lunedì 18 ore 14,30 Casa per la pace: si cammina fino a Villa Bernaroli

Lunedì 25 ore 14,30 Casa per la pace: si va al parco della Chiusa e si sale in via Montalbano e si scende dal sentiero dei Gessaroli.



I martedì del cammino

 

Martedì 5 ore 8,30 Casa per la pace: si va a Villa Bernaroli e si ritorna per il ponte Lungo e il quartiere Barca

Martedì 12 “I martedì lunghi del cammino” ore 8,30 Casa per la pace: si va finalmente all’Oasi di S. Gherardo, si guarda l’acquedotto romano e si fa uno spuntino all’osteria di Colle Ameno.

Martedì 19 ore 8,30 Casa per la pace: si arriva fino ai Laghetti del Maglio. Andata per il parco della Chiusa, ritorno dal Lido

Martedì 26 “I martedì del cammino” ore 8,30 Casa per la pace: si va a prendere il caffè a Corticella camminando lungo il Navile.



I mercoledì lenti del cammino

 

Mercoledì 6 dalla Stazione Garibaldi a Savignano, poi a piedi al Borgo, munirsi di biglietto del treno

Mercoledì 13 ore 9 dalla Casa della Conoscenza a Borgonuovo poi alla corte dei Fiori

Mercoledì 20 via Marconi fermata bus n°20 a S. Lucia e poi a via Azzurra a vedere il presepe

Mercoledì 27 all’Eremo di Tizzano in auto poi si scende a piedi fino a S. Biagio.

 

I giovedì del cammino mattutino

Giovedì 7 in treno: Pioppe di Salvaro, Pian di Venola, Marzabotto, Lama di Reno

Giovedì 14 ore 8,30 Casa per la pace: si va al MAST (via Speranza); si visita una mostra di sculture.

Giovedì 21 ore 8,30 Casa per la pace: si va a Bologna al mercatino di S. Lucia (strada Maggiore)

Giovedì 28 ore 8,30 Casa per la pace: Anello dei parchi di Casalecchio



Le attività di palestra 

Venerdì 1 ore 10,15-11,30 pista di Pattinaggio, via Cavour, 10

Venerdì 15 ore 10,15-11,30 pista di Pattinaggio, via Cavour, 10

Venerdì 22 ore 10,15-11,30 alla Pista Mazzotti, ultimo incontro prima della sospensione natalizia



Gruppo Passi leggeri 

domenica 3 dicembre

Le escursioni mensili: si va ad Armarolo di Budrio

mercoledì 6 dicembre

ore 17 gruppo giovani alla Casa per la pace

 

 

  • 051.6198744
  • percorsidipace@libero.it
  • Via Canonici Renani, n.8
    Casalecchio di Reno (BO)
  • Orari di apertura:
    lun - ven: 17.00 - 19.00
    mar: 9.00 - 12.00