Home

Semi di pace

Proposte e progetti

al mondo scolastico casalecchiese,

ad associazioni, gruppi

e a tutte le persone che si occupano di educazione

A cura del Gruppo Formazione

 


 


 

INTRODUZIONE

Premessa, Finalità, Ambiti d’intervento

Metodologia, Aree di utenza

LE NOSTRE PROPOSTE

- 21 marzo: lezione di pace

 

 

Ambiente e territorio

- Mostra itinerante “Immagini di Casalecchio”

- Percorsi per Casalecchio fra storia e memoria

- Acqua che raccoglie storie …

- Storie nel parco

- Escursionismo per la scuola

 

 

Luoghi della memoria

Monte Sole; Memoriale di Sabbiuno;

 

 

Relazione

- Giochi di pace

- Genitori in gioco con e senza insegnanti

- Progetto Euritmia

 

Accoglienza

-Per una scuola accogliente

 

Casa per la pace

- Raccolta di manifesti pacifisti (1950-2011)

- Musica e Cultura

- I linguaggi dei muri

 

 

ATTIVITÀ RIVOLTE AGLI ADULTI

-Presentazione di Semi di Pace

- Educazione alla nonviolenza

- Il valore della Memoria , Una stella tranquilla

- Corso di disegno , Corso di cestini di vimini

- Teste in gioco- ScuolAttivaLiberaMente

- Il nord e il sud del mondo

- PAT PATFOORT; Daniele Novara

INTRODUZIONE

Premessa

L’associazione Percorsi di pace si impegna a proporre itinerari “a uomini e donne, ragazzi e ragazze, bambini e bambine”, senza alcuna discriminazione di sesso, razza e religione; ha inoltre la finalità di contrastare l’idea che la guerra possa essere uno strumento, per risolvere le problematiche internazionali (come da Statuto)

Alimentare e costruire una cultura di pace sottintende la costruzione di idee e pensieri condivisi, dove i valori proposti non possono prescindere dalla promozione di modalità relazionali, che stimolino riflessioni e confronto critico.

Crediamo sia l'ora della nonviolenza, in una società come quella attuale in cui la violenza è diventata non solo il confronto fra campi avversi, ma una questione presente in maniera endemica nella vita sociale dei Paesi nelle varie aree del mondo, in cui l’agire violento è percepito quasi come una necessità, di cui non ci si può liberare.

Il gruppo “Formazione” dell’Associazione Percorsi di pace propone le seguenti attività a insegnanti, educatori, operatori sociali, genitori, gruppi, classi scolastiche … ; inoltre offre spazi e tempi di ascolto, per confrontarsi su tematiche specifiche, richiamandosi all’utilizzo di un metodo nonviolento, principio fondamentale su cui l’Associazione costruisce ogni attività.

Le finalità

Oggi sembra che il tempo per la “relazione” sia fortemente messo in crisi: il tempo, in particolare quello dei bambini/e, è spesso strutturato rigidamente tra impegno scolastico e attività di varia natura; l’esperienza della relazione si scontra sempre più con una realtà, che privilegia prestazioni e risultati.

In contrapposizione a una società che impone sempre più momenti individuali, le nostre attività cercano di recuperare il senso di appartenenza a un gruppo, per sentirci parte e riconoscerci in un progetto comune, per scoprire la diversità e la ricchezza che ognuno di noi ha in sé e che porta con sé nella relazione.

Alla luce di questo, il conflitto diviene un’imprescindibile occasione di confronto, in vista di una crescita positiva. La conoscenza di eventi, contesti e situazioni storiche o politico-sociali, contribuisce poi ad alimentare in ciascuno riflessioni e approfondimenti critici.

Stare bene insieme agli altri porta al recupero di occasioni e tempi per conoscersi, divertirsi e mettere a confronto opinioni ed esperienze.

Si tratta di situazioni apparentemente improduttive ma proficue per migliorare le relazioni oggi e, ci auguriamo, anche come investimento per il futuro.

Gli ambiti di intervento

La comunicazione, la relazione educativa, la via del gioco e della corporeità, la valorizzazione delle differenze, l’educazione alla pace come alternativa metodologica e didattica, il conflitto come risorsa, la nonviolenza, il camminare insieme.

La metodologia

La metodologia di lavoro tende essenzialmente al coinvolgimento, suscitando interesse e curiosità, ma soprattutto favorendo la messa in gioco di sé stessi, necessaria al raggiungimento di una progressiva presa di coscienza delle problematiche emerse, in vista di un possibile cambiamento.

Aree di utenza

La scuola (bambini, ragazzi, genitori, insegnanti, personale ausiliario); il tempo libero dei ragazzi gli adulti; il volontariato.

 

 

LE NOSTRE PROPOSTE

Il gruppo Formazione dell'associazione Percorsi di pace propone al territorio alcune opportunità per agire, riflettere e ripensare gesti, pensieri e strumenti di pace:

 

21 marzo: lezione di pace

L’iniziativa si prefigge l’obiettivo di testimoniare l’impegno sociale del volontariato e stimolare riflessioni e approfondimenti sui temi della pace, della nonviolenza, della solidarietà tra diversi (per etnia, cultura, religione, capacità …), della giustizia sociale, della promozione dei diritti umani.

La proposta di approfondimento riguarderà quest’anno i temi scottanti delle armi e degli armamenti, in particolare quello delle armi nucleari.

Rivolto alla Scuola secondaria di secondo grado

Tempi e modalità degli interventi o della lezione-testimonianza si definiranno durante lo svolgimento del percorso.

Per la Scuola secondaria di primo grado la proposta, se richiesta, verrà formulata successivamente.

 

 

AMBIENTE E TERRITORIO

 

Mostra itinerante

Immagini di Casalecchio… che storia è questa? Pensieri di pace, perché una guerra non accada mai più.

La mostra si compone di 25 pannelli con immagini storiche di Casalecchio prima, durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale e può essere allestita velocemente a scuola o in altri spazi.

Si propone di favorire la conoscenza del territorio e la formazione nei ragazzi di una cultura di pace e di rifiuto della guerra come mezzo per la risoluzione dei conflitti, illustrandone gli effetti sulla popolazione civile e le significative trasformazioni del contesto urbano per cause belliche.

Inoltre viene posta l’attenzione sulle parole “solidarietà”, “impegno sociale e civile” ed “educazione”, che sono state alla base della rinascita democratica di Casalecchio di Reno.

Le tematiche della mostra possono essere approfondite attraverso lo specifico “Percorso per Casalecchio fra storia e memoria” (vedi proposta successiva).

Rivolta alle quinte della Scuola primaria di secondo grado alle classi terze della Scuola secondaria di primo grado di Casalecchio.

 

Conduce Massimiliano Neri, volontario dell'Associazione Percorsi di pace.

Date e orari: da ottobre a maggio, da concordare con gli insegnanti, prevedendo almeno 2 ore per l'intero percorso della mostra

Sede: presso le scuole o alla Casa per la Pace ‘La Filanda’

Per informazioni e prenotazioni chiamare Massimiliano Neri 339.6441428

 

 

Percorsi per Casalecchio fra storia e memoria

I “Percorsi per Casalecchio fra storia e memoria" intendono accompagnare gli studenti alla scoperta e alla conoscenza diretta di luoghi di Casalecchio legati significativamente agli anni della Seconda Guerra Mondiale e della Resistenza.

Particolare attenzione viene riservata al contesto urbano, profondamente modificato per cause belliche, così come illustrato nella “Mostra itinerante”

Attraverso la conoscenza di luoghi, fatti e persone, il percorso si propone sia di fornire ai ragazzi informazioni su un periodo storico particolarmente drammatico per Casalecchio e per la sua popolazione, sia di promuovere negli stessi una cultura di pace e di avversione alla guerra come risoluzione dei conflitti.

Rivolti alle quinte della Scuola primaria di secondo grado alle classi terze della Scuola secondaria di primo grado di Casalecchio.

Conduce Massimiliano Neri, volontario dell'Associazione Percorsi di pace.

Date e orari: da ottobre a maggio; durata del percorso: 2 o 3 ore, in base al numero dei luoghi che si intendono visitare.

Per informazioni e prenotazioni chiamare Massimiliano Neri 339.6441428

 

 

 

Acqua che raccoglie Storie.

Introduzione

Il progetto mira a far conoscere alle scuole la CASA PER LA PACE "La Filanda” e la sua storia.

Attraverso il racconto, animato da giochi di movimento e da immagini d’epoca, i bambini e le bambine vengono coinvolti/e in storie legate ad antichi mestieri e alla vita lungo le rive del fiume e al ruolo dell’acqua come elemento indispensabile da salvaguardare.

La proposta prevede un incontro con le insegnanti interessate, per definire modi, tempi e argomenti da sviluppare ed eventuali stimoli da continuare all’interno del gruppo-classe a scuola.

Rivolto alle bambine e ai bambini di cinque anni della scuola dell’infanzia e ai bambini e alle bambine della scuola primaria.

Conducono Lucia Fava, Milena Veratti, Lya Brintazzoli e Rina Gherardi (insegnanti e volontarie dell'Associazione Percorsi di Pace).

Modalità : dopo un incontro di programmazione con le insegnanti, il laboratorio verrà svolto il mercoledì dal mese di ottobre al mese di aprile con orario ore 9/11.

Per informazioni e prenotazioni chiamare Lucia Fava 348-4935577

Sede: Casa per la Pace "La Filanda".

 

Storie nel parco

Percorsi di gioco, alla scoperta e conoscenza dell’ambiente, con particolare riguardo all’osservazione degli alberi del Parco della Chiusa di Casalecchio. Rivolto alle scuole dell’infanzia.

Conducono Lucia Fava, Lya Brintazzoli e Rina Gherardi, insegnanti e volontarie dell'Associazione Percorsi di Pace.

 

Modalità:

1° Proposta - Lo Smemoalbero:

percorso articolato in due giornate a sfondo fantastico per avvicinare i bambini all' osservazione dell'albero.

Un albero chiede aiuto ai bambini perché ha perso la sua storia-memoria, la Regina guardiana del parco fornisce ai bambini gli strumenti per aiutare l’albero a ritrovare la sua memoria e la sua storia.

La proposta è rivolta a bambine e bambini di 5 anni.

Date e orari: preferibilmente nella giornata di venerdì

Sedi: scuole e Parco della Chiusa

 

2° proposta - Il Cercalbero :

Un messaggio invito verrà fatto arrivare a scuola nei giorni precedenti l’esperienza

Primo giorno

Arrivo, accoglienza delle guardiane del bosco

Ricerca dell’albero e raccolta dei materiali.

Con l’aiuto di messaggi e segnali da individuare nel parco, i bambini andranno alla ricerca di un albero che li vuole conoscere e ha in serbo per loro un tesoro. Durante il percorso, su indicazione dell’albero, i bambini raccoglieranno i doni della natura che saranno utili quando troveranno l’amico albero.

Arrivo alla Tuia

Appese sotto alla Tuia trovano le copie dei quadri dell’Arcimboldo e un messaggio: “Il gioco non finisce qua, ma a scuola continuerà, costruendo un ritratto con i tesori del bosco. Quando il lavoro finirete qui da me ritornerete.

 

Secondo giorno

Forma e misura, notizie

“I bambini ritornano alla Tuia e trovano un messaggio: “Bravi, siete ritornati; ora per conoscerci meglio con me vi misurerete e la mia forma disegnerete. Quando tutto si concluderà il Guardia-bosco arriverà e una sorpresa vi porterà.”

Gianfranco la guardia GEV porta i bambini un piccolo libro con le notizie della Tuia e un cestino con le caramelle.

La proposta è rivolta a bambine e bambini di 5 anni. Date e orari: preferibilmente nella giornata di venerdì Sedi: scuole e Parco della Chiusa

 

3° Proposta - Supporto ai progetti: aiuto e affiancamento nella realizzazione di percorsi elaborati dalle insegnanti sul tema della conoscenza del parco.

 

Informazioni e prenotazioni per le tre proposte chiamare Lya Brintazzoli 334.7860516

 

Escursionismo per la scuola

 

L’esplorazione diretta di un ambiente costituisce un’indicazione programmatica fondamentale per molte discipline scolastiche.

Far nascere in uno studente la curiosità di esplorare la realtà e l’ambiente che lo circonda è un successo educativo importante: solo il contatto diretto con la natura e con luoghi significativi permette di maturare una coscienza ecologica che, prima di essere insegnata, va vissuta attraverso l’attività di escursionismo come capacità di rapportarsi con gli altri e di conoscere sé stessi, imparando ad auto valutarsi.

L’escursionismo (trekking) si profila come esperienza personale e comunitaria insieme, serena, gratificante, educativa in quanto insegna a provare lo sforzo e la fatica in un contesto di valori, relazioni, sentimenti capaci di produrre benessere.

Il gruppo escursionismo dell’associazione Percorsi di pace e della Polisportiva G. Masi è in grado di organizzare escursioni per ogni ordine di scuola e corsi di escursionismo per alunni, insegnanti e genitori.

Esempi di escursione a Casalecchio di una giornata: partendo da una scuola di Casalecchio, attraverso sentieri o strade poco frequentate si possono raggiungere: l’Eremo di Tizzano, la tenuta dei Visconti di Modrone, l'Oasi di S.Gherardo, la Basilica di S.Luca , il parco della Chiusa ecc.

Escursioni nei dintorni: parco del Pellegrino, Villa Ghigi, il Navile ecc.

Su questi luoghi è possibile fare ricerche e approfondire argomenti di studio e lavoro.

Rivolto ad alunni, insegnanti e genitori di ogni ordine di scuola

A cura del gruppo Escursionismo di Percorsi di pace

Modalità, date e orari: da concordare

Per informazioni e prenotazioni chiamare Maurizio Sgarzi 339.8444476

 

Luoghi della memoria

 

Pensato per far conoscere ai ragazzi gli avvenimenti accaduti nel nostro territorio negli anni 1944-45

durante la lotta di Resistenza contro il nazifascismo, attraverso la visita diretta di luoghi significativi, con l’intento di conservare la memoria, far emergere gli intrecci con il presente e rafforzare i valori di libertà, impegno civile, democrazia e ripudio della guerra

 

Monte Sole

Visita al Parco Storico con racconto degli avvenimenti accaduti a Monte Sole a cura di testimoni diretti, familiari, volontari dell’ANPI e dell’Associazione Percorsi di pace

 

 

Programma per la Scuola secondaria di primo grado

 

Escursione Pian di Venola – Parco storico.

Le classi 3^ che aderiranno potranno effettuare il tragitto Casalecchio- Pian di Venola in treno; da lì inizierà il percorso a piedi (“Sentiero del postino”) per raggiungere i luoghi degli eccidi: Caprara, Casaglia, Cerpiano, S.Martino, Monte Caprara o Monte Sole, con pranzo al sacco.

Nel pomeriggio si ritornerà per la strada Poggiolo-Pian di Venola.

Su richiesta degli insegnanti, è possibile far precedere la visita al Parco da un incontro a scuola di presentazione del contesto storico e di riflessione sul significato della memoria.

Se il tragitto a piedi dovesse sembrare troppo impegnativo, si potranno scegliere itinerari diversi o raggiungere il Centro di accoglienza del Parco (Poggiolo) con un pullman, a pagamento.

 

Programma per la Scuola Primaria di secondo grado

Le classi potranno programmare incontri sia a scuola sia a Monte Sole, partendo dall’esame della Costituzione, nata al termine della seconda Guerra Mondiale a difesa della pace.

Gli incontri saranno gestiti dai volontari dell’associazione Percorsi di pace. Gli alunni potranno anche scegliere due o più giornate di permanenza a Monte Sole e vivere insieme un’esperienza coinvolgente, riflettendo sulla propria relazionalità all’interno del gruppo, attraverso giochi di ruolo, giochi cooperativi, lavori pratici, discussioni.

Modalità: uno, due o più giorni a Monte Sole.Date e orari: da Marzo a Maggio.

Sedi: scuola, Casa per la Pace “La Filanda”, Scuola di pace di Monte Sole, Il Poggiolo.

Per informazioni chiamare Umberto Pampolini 335.5619588

 

Memoriale di Sabbiuno

Visita al monumento, eretto sul calanco per ricordare la strage del dicembre del 1944, che vide la fucilazione di 100 antifascisti bolognesi ad opera dei nazifascisti.

Un'aula a fianco ospita una mostra fotografica e uno spazio dedicato ad attività didattiche per le scuole.

Per il tragitto si utilizza l’autobus della linea 52, che parte da piazza Cavour o si può decidere di andare a piedi.

Per informazioni chiamare Umberto Pampolini 335.5619588

 

Raccolta di manifesti pacifisti (1950 – 2017)

I manifesti raccolti (ad oggi oltre 5000) costituiscono documenti storici per far conoscere e approfondire la storia del pacifismo e della nonviolenza.

Essi sono divisi per temi e sono state preparate mostre tematiche itineranti su temi diversi. Ad esempio: marce per la pace, movimenti pacifisti, costruttori di nonviolenza, obiezioni di coscienza al servizio militare e alle spese militari, letteratura e pace, diritti umani e altre.

I manifesti possono essere utilizzati nell’ambito scolastico, dalla scuola dell’obbligo all’università.

Utilizzando i manifesti dell’archivio gli studenti potranno allestire mostre e approfondire le tematiche prescelte.

A cura del CDMPI (Casa per la Pace “La Filanda”, CDMPI: Centro di Documentazione del Manifesto Pacifista Internazionale).

Per informazioni e prenotazioni: Vittorio Pallotti, 3286195309, Renzo Craighero: renzocrai@tin.it

RELAZIONE

 

Giochi di pace

E’ un’attività di coinvolgimento degli alunni incentrato sull’utilizzo della corporeità, sulla presa di coscienza delle proprie modalità di interazione, del proprio modo di essere, sulla condivisione del proprio vissuto personale, attraverso:

giochi cooperativi

giochi in situazione

un lavoro sull’ascolto e sul conflitto

una riflessione sullo star bene con il proprio corpo

la musica

e il disegno

Queste attività favoriscono la possibilità di aprirsi, di conoscersi, di divertirsi e di confrontarsi con gli altri, affrontando insieme tematiche come la relazione, l'amicizia, lo stare assieme o argomenti proposti dalla classe stessa.

 

Rivolto alle classi della scuola Secondaria di Primo e Secondo grado.

 

Modalità: da Ottobre a Maggio, 3-4 incontri di 2 ore, a scuola o alla Casa per la pace "La Filanda"

Condotto da Maurizio Sgarzi insegnante e volontario dell’associazione Percorsi di pace

 

Per informazioni e prenotazioni chiamare Maurizio Sgarzi 339.8444476

 

 

 

Genitori in gioco con e senza insegnanti

Incontri che coinvolgono i genitori (di una scuola o di una classe) in uno spazio e in un tempo privilegiati, per ascoltare ed essere ascoltati, per confrontarsi e per individuare situazioni di difficoltà, disagio, strategie facilitanti e possibili cambiamenti; per partecipare e condividere percorsi di pace, per esprimere strategie di aiuto del gruppo, andando a scoprire e a valorizzare la ricchezza della/delle diversità e la pluralità dell’identità.

Giochi, situazioni, riflessioni daranno la possibilità ai genitori di aprirsi, di conoscersi, di divertirsi e di confrontarsi con gli altri, affrontando insieme tematiche proposte dal gruppo stesso.

 

Rivolto ai genitori della scuola dell’Infanzia e della scuola Primaria e Secondaria

Condotto da Maurizio Sgarzi, insegnante e volontario dell’associazione Percorsi di pace.

 

Modalità: 4 incontri

Date e orari: tardo pomeriggio o sera

Sede: a scuola, alla Casa per la pace ‘La Filanda' o in altro luogo

Per informazioni e prenotazioni chiamare Maurizio Sgarzi 339.8444476

 

 

 

 

Progetto EURITMIA

per la Scuola dell’Infanzia

L’Euritmia è una arte che, attraverso il movimento e l’uso di gesti ed esercizi specifici, facilita la crescita del bambino e della sua vita personale e sociale. Ciò si realizza con lo sviluppo di alcune abilità indispensabili:

armonizza il movimento sia fisico che psichico, affinando la motricità fine e anche la capacità di pensiero: oggi studi scientifici dimostrano che lo sviluppo dell’abilità delle mani e delle dita sollecita quello delle circonvoluzioni cerebrali, aiutando così il bimbo nell’apprendimento scolastico;

sviluppa la percezione dello spazio e del tempo attraverso l’uso del ritmo e della musica;

aiuta la percezione di se stessi all’interno di un contesto sociale e rende possibile il riconoscersi e il riconoscere l’altro facilitando la relazione sociale;

sostiene la maturazione dell’equilibrio fisico del bambino che sarà il fondamento per un pensare, un sentire e un fare equilibrato.

Tutto l’insieme conduce il bambino ad una esperienza di benessere.

L’Euritmia durante questa età di sviluppo utilizza fiabe e favole perché si avvalgono di una forma di pensiero tipico del bambino, pensiero che crea immagini nelle quali i bambini si immergono diventando tutt’uno con l’esperienza.

Il percorso prevede una base preliminare di 3 incontri di 1 ora, con lo scopo di far conoscere ai maestri, bambini e genitori questa attività. L’abbigliamento richiesto deve essere comodo, con calzini antiscivolo

 

per la Scuola primaria di secondo grado (solo 1a e 2a classe)

 

Durante questa età di sviluppo il bambino sta iniziando il suo percorso scolastico impegnativo e difficile. Pensiamo a quale fatica può fare passando dalla scuola dell’Infanzia, dove il gioco libero è alla base di tutto l’insegnamento, alla Scuola Primaria dove le lezioni sono frontali e il bambino deve imparare a stare seduto e attento per quasi tutta la giornata scolastica. Questo è un grande passaggio a cui si aggiunge tutto l’impegno che è richiesto per seguire le lezioni.

E’ un momento delicato e impegnativo che l’arte dell’Euritmia, attraverso l’uso del movimento e di esercizi specifici, può aiutare sostenendo lo sviluppo di abilità che facilitano la vita scolastica.

Tali abilità sono:

la lateralizzazione, facilita il processo di superamento di dislessie e discalculie ritardando e

addirittura evitando l’uso di supporti alla lettura e al calcolo;

la motricità fine, aiuta la scrittura e la sua fluidità, ma anche la capacità di apprendimento: infatti

studi scientifici hanno collegato lo sviluppo del movimento fine a quello delle circonvoluzioni

cerebrali e quindi a quello del pensare;

la conquista dello spazio, che aiuta la nascita di una scrittura armoniosa perché fa si che il

bambino conquisti lo spazio che il foglio rappresenta;

il calcolo, la musica e la lingua straniera il cui sviluppo è sostenuto anche dalla conquista del

ritmo; la geometria, muovendo nello spazio le forme geometriche;

la memoria alla base di tutto l’apprendimento; il senso sociale e la coesione della classe.

Gli strumenti utilizzati dall’Euritmia sono esercizi che si fondono sulla esperienza del ritmo, attraverso la parola o la musica, forme geometriche, esercizi sociali e individuali, tutto questo svolto sul cerchio perché è la forma per eccellenza sulla quale tutti equidistanti dal centro siamo uguali ma ognuno con le proprie qualità, tutte indispensabili ad una vita sociale ricca e che sostiene lo sviluppo del singolo.

Il percorso prevede una base preliminare di 3 incontri di 1 ora, con lo scopo di far conoscere questa attività ai maestri, bambini e genitori. L’abbigliamento deve essere comodo e con calzini antiscivolo.

 

Le due attività sono condotte da Monica Galluzzo Infermiera Professionale, diplomata in Euritmia Pedagogica ed Euritmia Terapeutica con esperienza pluriennale in queste discipline .

 

Per informazioni e prenotazioni chiamare Maurizio Sgarzi 339.8444476

 

ACCOGLIENZA

 

Per una scuola accogliente

 

Consapevole delle difficoltà e delle emergenze sociali che la scuola si trova sempre più spesso ad affrontare, l’Associazione Percorsi di pace mette a disposizione l’esperienza dei propri volontari, provenienti dal mondo della scuola, per offrire un lavoro di supporto, per portare a termine progetti anche individualizzati, costruiti e condivisi con insegnanti, dirigenza della scuola, famiglie e coordinati a livello locale dall’Istituzione competente, LINFA, nella convinzione che il processo didattico-formativo vada portato avanti in sinergia con tutti gli attori del processo stesso.

 

La proposta è rivolta alla Scuola primaria e secondaria di primo grado; coordinata da: Adele Credi, Milena Veratti, Gloriana Roveri, Mariangela Masotti, Fiorella Fiorini, Rosaria Ruggeri

Modalità, date e orari: da concordare con tutti gli attori citati.

PerinformazionieprenotazionichiamareAdeleCredi349.4935369 o Milena Veratti 328.0875624

 

CASA PACE

Arte e Musica

Percorsi rivolti alla Scuola Secondaria di secondo grado e alle classi terze della Scuola secondaria di primo grado (solo l'ultimo progetto).

Percorsi rivolti alla Scuola Secondaria di secondo grado e alle classi terze della Scuola secondaria di primo grado (solo l'ultimo progetto).

 

Contenuti delle diverse proposte:

Canzoni di guerra e canzoni di pace, l'intervento si propone di sottolineare le differenze tra i canti che hanno incitato alla guerra, all'assalto, alla lotta e quelli che vi si sono opposti. Si osserveranno tanto i testi quanto le melodie, ritmi ed arrangiamenti (classi prime e seconde).

I gener Blues e Gospel, da uno stesso popolo due espressioni tanto diverse: l'una volta alla terra, l'altra al Cielo, l'una che canta la persona sola, l'altra destinata alla coralità, l'una a cantare le miserie, l'altra le speranze. Tutt'e due, infine, a fornire un inesaurito humus per tanta musica d'oggi (classi prime e seconde)Carmina Burana medievali: i canti degli studenti e la loro vita nel medioevo: il gioco, il bere, gli amori, e insieme modi e timbri d'una musica lontana dai nostri anni e dalle nostre orecchie (classi terze).L'opera: “Don Giovanni” . Cos'è un'opera? e un'opera buffa? e un'opera buffa che non fa tanto ridere? E che significati assume la storia di un seduttore punito tanto raccontata e tanto ascoltata? Vedremo la storia e cercheremo di capire le relazioni che ha avuto con la fine '700 e che ha col nostro presente e anche, perchè no? con i nostri gusti musicali (classi quarte, ma non esclusivamente).

 

Storia dell'Italia unita attraverso i canti in cui è rimasta traccia “Come la lumaca lascia il segno del suo passaggio, così la Storia”. Il segno resta nelle case, nelle strade, nella moda ... e anche nelle canzoni. Sarà come un rapido ripasso di storia attraverso i canti dall'unità d'Italia fino a ... dove riusciamo ad arrivare!

A cura di Paolo Giacomoni (Insegnante di lettere, musicista, volontario di Percorsi di pace)

Per informazioni e prenotazioni chiamare Paolo Giacomoni 334.8300187

 

"I linguaggi dei muri" una proposta di cammino nella nostra città alla ricerca della

Street Art

Parte 1

Da sempre scrivere sui muri è stato un gesto trasgressivo, uno sberleffo, una provocazione che sconfina nel vandalismo. I muri sono la galleria più grande che un pittore possa avere, i muri sono pubblici e chi disegna su di essi esprime un'arte pubblica, accessibile a tutti non confinata nelle gallerie e nel circuito denaroso del mercato dell'arte. Esiste anche un altro modo per comunicare sui muri, un modo meno pittorico e più grafico, a volte estremamente poetico, a volte vergognosamente vandalico che racconta attraverso messaggi e simboli il bisogno di occupare gli spazi cittadini o il bisogno di esserci e riconoscersi nel marcare il territorio. Noi vi proponiamo di pensare un percorso alla ricerca di questi linguaggi dei muri, cercando idealmente ma anche praticamente di costruire un itinerario che abbia come tema il linguaggio tra arte e comunicazione. Esplorando i significati di questi linguaggi, sarete per noi costruttori di percorsi in un ipotetico ruolo di guide. L'itinerario o gli itinerari che vi proporremo possono essere di una decina di km da percorrere a piedi.

Alcuni suggerimenti per partire:

 

Rimasugli Bologna - Serendippo - R.U.S.Co - Morgantini e il muro di Stalingrado - Bologna Street Art Map -Bolognina Cement-Ti-Amo -Ericalcane, Dem e Will Barras (via Capo di Lucca - L' XM24 - Labas ex caserma Masini via Orfeo

 

Parte 2

Contenitore: Percorso di 7 /9 Km

Contenuto: Prepararsi su ciò che andremo a vedere, autore se ci sono notizie, cosa ha dipinto, significato di ciò che ha dipinto, perchè avete scelto questo graffito, cosa vi ispira e cosa racconta secondo voi.

Verificare che nel percorso ci siano graffiti, scritte ecc., varie tipologie di linguaggi dei muri.

Pubblicità e presentazione del percorso

Pensare al volantino che presenterà il percorso, deve contenere notizie pratiche organizzative. (esempio: Luogo e orario di ritrovo, tappe del percorso in sintesi, orario di fine).

Realizzarlo anche in una lingua straniera per renderlo fruibile a gruppi di escursionisti e turisti stranieri.

Rendere appetibile l'offerta:

Prepararsi al percorso (sperimentarlo personalmente) e al racconto di ciò che vedremo, dividervi il racconto a più voci

Per informazioni e prenotazioni chiamare Lya Brintazzoli
334 7860516

 

 

 

ATTIVITA’ RIVOLTE GLI ADULTI (insegnanti e non)

 

Presentazione di Semi di pace

 

Mercoledì 7 settembre 2017 ore 18,00 alla Casa per la pace “La Filanda”.

Alla presenza delle insegnanti e degli alunni della Scuola Media G.Galilei verrà presentato il progetto PIETRE D’INCIAMPO con lettura espressiva, proiezione di due video e presentazione di lavori artistici sul tema.

 

Educazione alla "nonviolenza"

 

con Stefania Travagin

9 settembre - 14 ottobre - 18 novembre 2017 tre sabati di riflessione sulla nonviolenza.

La nonviolenza non è una risposta passiva, ma un'iniziativa creativa che nasce dal cuore, quando riesco ad approfondire il significato delle mie azioni.

Non è una regola, non é una ricetta ma una necessità che nasce dal rifiuto della violenza.

Questo progetto di nonviolenza nasce perché riesco a cogliere le motivazioni che stanno alla base delle azioni mie e degli altri, nasce perché rafforzo il mio essere, il mio senso, apro il mio cuore.

Le azioni nonviolente sono una goccia d'acqua che scava la roccia, ma che ha la capacità di moltiplicarsi infinitamente.

Ogni volta che riesco a dare una risposta differente ho spezzato una catena di violenza.

Ecco perché come educatori ed esseri umani abbiamo la possibilità di essere modelli di pace, e le nostre azioni hanno grande importanza per la costruzione di un mondo senza violenza.

Per informazioni e prenotazioni chiamare Maurizio Sgarzi 339.8444476

 

 

 

 

 

Progetto Euritmia per gli insegnanti

 

L’insegnamento è un’arte molto complessa e richiede all’insegnante la forza, attraverso l’entusiasmo e l’amore per la scolaresca e per la propria materia, di donare tutto il proprio sapere educando il bambino - ragazzo alla vita. E’ un lavoro che dà forma alle future generazioni di adulti le cui fondamenta si sono sviluppate anche durante la loro vita scolastica.

Che meraviglia e che grande impegno!!!

Per poter svolgere al meglio questo importante compito è richiesto lo sviluppo di alcune qualità: l’ascolto, l’equanimità, la responsabilità e soprattutto la capacità di autoeducazione che è la vera base dell’educazione, solo nella misura in cui siamo quella qualità la possiamo trasmettere come forza vivente.

L’arte dell’Euritmia può aiutare a iniziare, approfondire una crescita interiore, che si riflette su ciò che siamo e ciò che facciamo, questo con un lavoro sociale che permette innanzi tutto di divenire consapevoli delle proprie forze e debolezze e successivamente tale coscienza dona la possibilità di rinforzare e di trasformare ciò di cui necessita l’una o l’altra azione.

Con esercizi specifici si porta i partecipanti alla esperienza cosciente di se stessi con l’aiuto dell’altro, dove il sociale diventa forza collettiva di sostegno per il singolo.

 

Il corso è condotto da Monica Galluzzo Infermiera Professionale, diplomata in Euritmia Pedagogica ed Euritmia Terapeutica con esperienza pluriennale in queste discipline.

 

Il percorso prevede una base preliminare di 3 incontri di 2 ore, che hanno lo scopo far conoscere tale disciplina a chi è interessato. L’abbigliamento deve essere comodo e con calzini antiscivolo.

 

Il valore della Memoria

 

Traditi dalla memoria”

 

13-20-27 Settembre 2017 tre incontri alla Casa per la Pace "La Filanda"

 

Percorso formativo di analisi e approfondimento “Traditi dalla memoria” Quante volte abbiamo usato questa espressione per sottolineare che abbiamo sbagliato perché ci era successo di ricordare poco e confusamente? Il gioco di specchi tra l’esperienza personale e quella collettiva può risultare un’interessante chiave interpretativa per interrogarci sul significato del ricordare e sul concetto di memoria storica: perché una comunità decide di ricordare? Come decide cosa ricordare? Rivolto a insegnanti, educatori, operatori del sociale, volontari, e chiunque interessato. Ore 18,30 -20,00 - pausa ristoro - 20,30-22 A cura degli Operatori della Scuola di pace di Monte Sole. Per informazioni e prenotazioni chiamare Maurizio Sgarzi 339.8444476

 

 

“Una stella tranquilla”

 

Lunedì 18 settembre ore 20,30 Casa per la Pace “La Filanda”

La mattina del 19 ottobre 1945 Primo Levi tornava a Torino, dopo un anno di prigionia nel lager di Auschwitz e un viaggio di molti mesi nell’Europa. A ricordo del grande scrittore, nel trentennale della scomparsa,

presentazione del libro “Una stella tranquilla” con l’autore Pietro Scarnera

 

Corso di cestini di vimini

 

D’inverno, nelle stalle, i contadini, mentre la terra si riposava, realizzavano i “cestini di vimini”; il vimini si raccoglie durante l’estate dal salice di vimini, che si trova solitamente lungo i fiumi.Nel tempo la plastica ha sostituito questo manufatto di materiale naturale e riciclabile.

Ci sono persone però che vogliono conservare questa arte e altre che desiderano impararla.

Gabriella e Silvano sono disponibili a costruire cestini con chi vuole imparare.

5 incontri di martedì: 26 settembre; 3-10-17-24 ottobre 2017;

ore 20,30-22,30 Casa per la pace “La Filanda”

Corso di disegno

Introduzione all'arte figurativa

Introduzione al disegno con nozioni di pittura, rivolto a persone al primo approccio verso l’arte figurativa; corso che ha come obiettivo la conoscenza delle tecniche del disegno, partendo da una visione bidimensionale, per arrivare alla plasticità delle forme con i volumi geometrici del disegno ed il chiaro-scuro. Esercizi (tratteggio, sfumato, ecc.) con vari mezzi su diversi supporti cartacei. L’insegnante cercherà di tener conto dell’espressività dei singoli e, durante lo svolgimento del corso saranno previsti momenti di discussione sul lavoro svolto e

sulla storia dell’arte.

Corso avanzato: colore e pittura

A un insegnamento del monocromatico e del chiaro-scuro seguiranno approcci a varie tecniche coloristiche (pastelli, gessi, acquerello, ecc…). Insegnamento delle mescolanze dei colori con conoscenza dei primari, secondari e complementari; si cercherà di tenere conto dell’espressività dei singoli, cercando di dare loro tutto il bagaglio tecnico che il mondo del colore richiede. Durante il corso si favoriranno discussioni sul mondo dell’arte.

Sede: Casa per la pace ‘La Filanda’

Date: 2 corsi per 10 incontri il mercoledì:
11–18-25 ottobre; 8–15–22-29 novembre; 6-13 – 20 dicembre 2017;
ore 18 – 20 e 20 – 22

A partire da febbraio 2018 si svolgerà il corso successivo.

Conduce l’attività il maestro Maurizio Tangerini.

Per informazioni ed iscrizioni chiamare Maurizio Sgarzi 339.8444476

 

15

Teste in gioco- ScuolAttivaLiberaMente

Da tre anni un gruppo di insegnanti, operante all’interno della progettazione complessiva del gruppo Formazione di Percorsi di Pace, è impegnato in un progetto ambizioso di rinnovamento delle proprie strategie formative, didattiche e organizzative. Un progetto di sfondo motivazionale e operativo volto a creare le condizioni per una scuola più accogliente per tutti, alunni e insegnanti.

Obiettivo principale è dare maggior coinvolgimento, libertà di azione e responsabilità a tutti i soggetti impegnati nel mondo della scuola, a iniziare dai bambini, che sempre più devono divenire gli artefici principali dei propri apprendimenti e acquisire spirito critico; per questo occorre costruire attorno a loro un ambiente accogliente, funzionale e motivante, nel quale possano muoversi e operare responsabilmente e in collaborazione, in piccoli gruppi, disponendo di materiali didattici con schede autocorrettive, muovendosi in spazi attrezzati, avvalendosi delle indicazioni e dei suggerimenti degli insegnanti.

Forte è quindi il lavoro preventivo degli insegnanti nella preparazione dell’attività in aula: progettare i percorsi formativo-didattici, organizzare gli ambienti scolastici, approntare i materiali più funzionali e le schede di autocontrollo.

Al maggior impegno operativo degli insegnanti prima dell’aula può corrispondere una maggiore disponibilità di azione degli insegnanti in aula, da rivolgere alle sempre più presenti e pressanti necessità di integrazione dei bambini stranieri o in difficoltà, per le quali scarseggiano sempre più operatori dell'istituzione scolastica o delle istituzioni pubbliche e private del territorio.

Tale impegno è affrontabile solo in un’ottica di comunità educante, che favorisca il massimo interscambio fra gli insegnanti, di esperienze, competenze, idee, strategie e materiali. Per questo il gruppo iniziale di insegnanti sta costituendo presso la Casa per la Pace "La Filanda" una dotazione di materiali didattici, schedari e giochi, molti dei quali autoprodotti, che sono offerti in utilizzo a tutti gli insegnanti che ne fanno richiesta, attraverso un servizio di prestito assicurato settimanalmente.

 

Per dare la più ampia visibilità al progetto in atto ed al materiale disponibile e per ampliare il gruppo degli insegnanti coinvolti ed operativi, è stato allestimento un sito internet “Teste in gioco” (www.testeingioco.it), in collaborazione con un insegnante e con alunni del Salvemini, che:

presenta con foto e schede descrittive tutto il materiale disponibile;

richiede una valutazione, agli insegnanti utilizzatori, del materiale utilizzato, con suggerimenti per migliorare lo stesso materiale o il suo utilizzo;

dispone di uno spazio “forum” per un primo confronto fra gli insegnanti sulle problematiche del progetto;

permette di dibattere ed approfondire le tematiche proposte

Il sito internet avrà un link di apertura all’interno del sito della Casa per la Pace.

 

 

 

 

Il nord e il sud del mondo :

Cose dell’altro mondo

Dopo tanti anni di presentazione di questo progetto nelle classi delle scuole di Casalecchio, quest’anno Adele Credi e Milena Veratti, insegnanti e volontarie dell'associazione Percorsi di pace, sono disponibili ad incontrare a Casa per la pace "La Filanda" le insegnanti interessate a questo tema, a mettere a loro disposizione i materiale necessari e a dare indicazioni metodologiche per l'attuazione del percorso.

 

PAT PATFOORT

Stiamo lavorando per far arrivare a Casalecchio l’antropologa belga, fondatrice del Centro per la gestione nonviolenta dei conflitti di Brugge (Belgio)

 


 

Novembre 2017: Presenteremo sicuramente l’ultimo libro di Daniele Novara

 

Informazioni

Casa per la Pace “La Filanda”

Via Canonici Renani, 8

40033 Croce di Casalecchio di Reno (BO)

 

 

aperta nei seguenti giorni e orari :

dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle ore 19

sabato dalle ore 10 alle 12

oppure tramite e‐mail a sgarzura@gmail.com

tel. 339.8444476

 

  • 051.6198744
  • percorsidipace@libero.it
  • Via Canonici Renani, n.8
    Casalecchio di Reno (BO)
  • Orari di apertura:
    lun - ven: 17.00 - 19.00
    mar: 9.00 - 12.00